Lo Stato Islamico nel Mondo Digitale

molte grazie a Tamara Taher per la sua traduzione! leggere l’articolo originale in inglese qui.

Nelle discussioni più diffuse riguardo lo Stato Islamico, diverse tematiche hanno ricevuto una particolare attenzione. Questioni quali le esecuzioni attuate dal gruppo, il trattamento delle donne, le rendite dal petrolio, e le voci sul supporto da parte di alcuni stati hanno attirato molta attenzione. Non meno ne ha ottenuta la questione della loro propoganda digitale. E allo stesso modo, sono rilevanti le storie di coloro che dopo essersi uniti al gruppo, sono tornati. All’interno e nell’intreccio di tutte queste tematiche, si delinea un campo interessante da approfondire: come si relaziona Daesh, più ampiamente, con il mondo digitale. Il tema dovrebbe essere considerato di particolare rilievo, dato che sia Hillary Clinton che Donald Trump si sono pronunciati in maniera molto simile recentemente:
12308816_10156249739405705_825005515101531872_n

Quest’autore, per esempio, trova ironico il fatto che due candidati presidenziali del paese che domina internet e che si è rivelato controllare pesantemente tutti i tipi di attività digitale in giro per il mondo ed indebolire i sistemi di criptaggio, vogliano che si agisca ulteriormente in questo campo. Entrambi rifiutano anche potenziali contestazioni basate sulla libertà di parola. Ciò che tuttavia non sembrano realizzare è che Daesh e i suoi sostenitori affrontano già difficoltà maggiori rispetto a chiunque altro nell’ultizzare le piattaforme base per i social media. Twitter annulla costantemente gli account di sostenitori e follower di Daesh, così come i loro contenuti. Youtube fa costantemente la stessa cosa. Facebook ha quasi zero contenuti su Daesh grazie a tutti i controlli esistenti. Questo significa che i membri e i sostenitori di Daesh sono spinti ad utilizzare siti più piccoli, che pochi utenti normali conoscono. Ogni tanto mi imbatto in un sito wordpress con contenuti di Daesh, anche se non spesso, ma la maggior parte del materiale di Daesh che ho visto si trova su justpaste.it. L’infrastruttura corporativa di internet sta cominciando a bloccarli fuori. In aggiunta, il collettivo di hacker Anonymous ha annunciato l’operazione #OPISIS, rivolta agli account twitter dei membri di Daesh. In risposta, Daesh ha rilasciato una dichiarazione ai suoi componenti e sostenitori su come proteggersi dall’essere hackerati. Il gruppo ha anche i propri hacker che attaccano con apparente successo i siti internet del governo USA e altri.

Se Daesh deve affrontare una significativa resistenza da attori come Twitter, Youtube, e Facebook, il suo approccio ad internet nei territori che controlla dimostra un altro aspetto della difficile relazione del gruppo con la rete, e con le tecnologie digitali più ampiamente. Il gruppo è stato bersagliato pesantemente nei primi anni dalla sua formazione da parte della tecnologia di sorveglianza americana, e ha perso molti membri proprio perché i loro telefoni e le comunicazioni digitali erano intercettati e rintracciati.
Screen Shot 2015-12-12 at 2.10.37 AM
Il gruppo ha pubblicato dunque un avviso che indica che qualsiasi dispositivo con GPS deve avere la funzionalità di geolocalizzazione spenta completamente e che qualsiasi prodotto Apple è completamente vietato perché considerato inaffidabile. Al di là di questo, Daesh ha avuto problemi con le infrastrutture e ha affrontato restrizioni severe nell’accesso ad internet già all’interno del territorio che controlla. Una recente analisi del New York Times sulla vita delle donne a Raqqa ha discusso di come internet sia utilizzato solo per le questioni di maggiore importanza, come la produzione mediatica e per attirare nuove reclute. All’inizio del 2014 gli internet café hanno chiuso per la loro impossiblità di utilizzare reti wireless, apparentemente a causa dell’interruzione delle linee radio da parte del regime siriano. Secondo la stessa fonte, alcuni sono riusciti ad utilizzare connessioni satellitari per stabilire connessioni negli internet café, ma rimanevano comunque facilmente rintracciabili.

Daesh ha rilasciato questo ordine nel Maggio 2015 chiedendo quattro tipi di identificazione a ogni utente dell’internet café. Così, nonostante forze globali più ampie possano osservare, grazie agli strumenti che sappiamo essere in loro possesso, molto di ciò che l’utente in questione fa in rete, Daesh vuole sapere piuttosto chi esattamente utilizza internet per i suoi fini. Un’investigazione condotta dal Washington Post sulla vita nello “Stato Islamico” dice che parlare a chi sta all’esterno delle condizioni di vita all’interno del territorio è un’azione molto rischiosa, che si cerca di intercettare e che spinge infatti i leader di Daesh a tenere sotto stretta osservazione la rete. Un caso esemplare è il sito “Raqqa is Being Slaughtered Silently”, che ha continuato a pubblicare materiale contrario a Daesh dall’interno del territorio sotto il suo controllo mentre, allo stesso tempo, veniva attaccato. Due dei suoi attivisti sono stati trovati e uccisi nel Sud della Turchia da agenti di Daesh.

Screen Shot 2015-12-12 at 2.51.27 AM

Questo sistema di controllo su internet è un’estensione del tentativo più ampio di instaurare un’autorità totalitaria nel territorio di Daesh. Non è ammmessa qualsiasi forma mediatica indipendente. C’è una sola stazione radio, condotta da un gruppo che emette in diverse lingue, ma al di là di questo non c’è spazio alcuno per la società civile. Alla luce di questo, è inevitabile che coloro a cui tutto questo ha dato più fastidio e che hanno voluto insistere ed esprimersi, come il sopracitato sito su Raqqa, si siano rivolti alla rete. È importante precisare comunque, che questo controllo non si estende a tutti i cittadini. Si dice che i combattenti stranieri e le loro mogli detengano una posizione privilegiata all’interno del territorio di Daesh, nel senso che possono continuare ad usufruire di determinate cose, come l’accesso ad internet, che sono severamente vietate a tutti gli altri. Tutto questo è in linea con il quadro più ampio: internet è fondamentale per l’esistenza di Daesh, ma è anche un grande rischio e una grande responsabilità, che è stata usata ampiamente contro Daesh stesso. Non posso essere d’accordo con Trump o con Clinton su questa questione, non credo ci siano provvedimenti più grandi da attuare che non siano già stati intrapresi.

Scrivo queste parole con molta preoccupazione. Non perché io pensi che Clinton e Trump potrebbero avere ragione, ma perché tutto questo è dimostrazione anche di come internet possa essere usato contro chiunque al giorno d’oggi. In questo caso, penso che il target, Daesh, sia legittimo… ma nel futuro? E se le stesse capacità direzionate oggi nel tenere i Dawaish (i sostenitori di Daesh) fuori dai siti internet che hanno una struttura corporativa fossero utilizzate contro altri, che non siano dei terribili assassini? E se i governi usassero queste tecnologie di sorveglianza contro i dissidenti? Abbiamo visto il modo in cui la polizia ha trattato gli attivisti in occasione del COP21 in Francia, uno stato che non viene considerato solitamente una dittatura brutale. Abbiamo avuto anche prova di che aspetto potrebbe avere un futuro del genere in Bahrain, ed è un’immagine infausta.

N.B. I documenti di Daesh utilizzati in questo articolo, provengono da questo sito, diretto da Aymenn Jawwad-Tamimi, un ricercatore ed accademico che studia i gruppi jihadisti. La traduzione inglese dei docmenti originariamente arabi è stata fatta dal signor Tamimi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s